Se ‘i sogni son desideri’, come cantava Cenerentola, “una vita più soddisfacente non è una mera fantasia e sognare ad occhi aperti è solo il primo passo per concretizzare le più profonde aspirazioni”. Lo assicura la psicologa Eleonora Iacobelli, vicepresidente Eurodap-Associazione europea per il disturbo di attacchi di panico e responsabile trainer del centro Bioequilibrium, in occasione della Giornata mondiale dei sogni, che si celebra il 25 settembre. Uno stimolo a non perdere mai la speranza di soddisfare le proprie ambizioni, dedicata ai sognatori ma soprattutto a chi confida meno nelle proprie possibilità. Quindi, perché non cercare un lavoro più stimolante? Perché non prenotare un viaggio alla scoperta di civiltà dimenticate?

“La Giornata mondiale del sogno non è dedicata solo ai sognatori in senso stretto, ma anche a tutti coloro che hanno il famoso ‘sogno nel cassetto’. Ebbene, forse è il caso di pensare a come tirarlo fuori e farlo diventare realtà – spiega Iacobelli – Innanzitutto ci vuole chiarezza: senza essere sicuri di ciò che si vuole si rischia di rincorrere i sogni altrui. Ripensate ai vostri obbiettivi e scriveteli. Poi serve tenacia – aggiunge l’esperta – L’unico modo per raggiungere l’obiettivo è non arrendersi mai. Può sembrare banale, ma la resistenza alla frustrazione è la dote più importante per permettere ai nostri sogni di realizzarsi. E ancora: creatività, perché è necessario essere creativi nel trovare vie alternative al fine di ottenere ciò che vogliamo, e gratificazione. E’ indispensabile gratificarci con un piccolo premio ogni volta che riusciamo a fare un passo in più nel raggiungimento del nostro obiettivo”.

Se questi sono i consigli da mettere in pratica durante la veglia, nelle ore notturne come fare a dormire sonni tranquilli allontanando incubi e turbamenti? “Il materiale onirico cambia a seconda della fase della vita in cui ci si trova e del genere di appartenenza – osserva la psicologa – ma soprattutto è il nostro stato d’animo ad incidere profondamente sulla qualità dei sogni: quindi, stati d’ansia o paura possono generare veri e propri incubi”.

Ecco alcuni consigli da Bioequilibrium per una buona notte:

1) Addormentatevi utilizzando la respirazione diaframmatica (addominale): recenti ricerche hanno dimostrato come diversi neuroni alla base del tronco encefalico siano sensibili alla respirazione. Una corretta respirazione può, quindi, essere utilizzata come un ‘calmante naturale’;

2) Evitate di intraprendere attività che richiedano un notevole sforzo cognitivo e/o fisico prima di andare a letto;

3) Provate a rilassarvi cercando di svuotare la mente. Cercate di addormentarvi in un ambiente nettamente distinto da quello in cui si svolge il resto della vostra vita in casa. Per conciliare il sonno una buona tecnica è quella di mettersi supini e di contare da 100 all’indietro accompagnandovi con la respirazione. In alternativa, riportate alla mente un evento positivo della vostra vita e ripercorretelo mentre respirate lentamente e profondamente.

CONDIVIDI