“Caro Giorgio, l’altra notte non ho chiuso occhio pensando a te. Mi piacerebbe che un giorno lontano, quando sarai grande, qualcuno possa farti leggere questa lettera”. E’ l’incipit della lettera che l’infermiera Giorgia Cavallaro ha indirizzato al neonato salvato da lei e altri due colleghi dopo averlo trovato abbandonato davanti al cimitero di Rosolina a Rovigo. “Magari le stesse persone, la tua nuova mamma e il tuo nuovo papa’ – scrive Giorgia, nella lettera resa nota dal ministro della Salute Giulia Grillo su Facebook – che nel frattempo avranno trovato le parole giuste per rivelarti com’e’ cominciata la tua vita con loro, circondato dall’amore che meriti e che qualcuno aveva deciso che non dovevi avere. Io posso solo raccontarti in che modo sei entrato nella mia, di vita, perche’ gia’ so che non ne uscirai mai piu’. E’ la storia del tuo primo giorno, che poi e’ anche la storia del nome che porti. Il mio nome. Ho 35 anni e lavoro come infermiera nel Pronto soccorso della Casa di cura Madonna della Salute, di Porto Viro. Sembrava una mattina come tutte le altre, scandita da piccole e grandi emergenze. Poi e’ arrivata quella telefonata: “C’e’ un bambino abbandonato davanti al cimitero di Rosolina, non si muove, e’ morto”. Sull’ambulanza siamo salite io e la dottoressa Anna Tarabini, mentre alla guida c’era Marco Marangon, che e’ partito a razzo. Dopo pochissimo e’ arrivata una seconda chiamata: “Il neonato piange”. E’ li’ che abbiamo saputo che eri vivo”. 
“Marco pareva un pilota di Formula 1 – scrive ancora l’infermiera – e’ stato formidabile: appena sei minuti dopo la prima telefonata eravamo di fronte al cimitero, con i carabinieri che nel frattempo avevano aperto quella sacca da tennis rossa. Ti avevano rinchiuso li’ dentro, adagiandoti sopra una copertina bianca. La dottoressa ti ha portato nell’ambulanza e ti ha visitato. L’indice di Apgar, che misura i parametri vitali, ci ha detto che stavi bene: e’ li’ che ho capito quanta forza possa starci in un corpicino cosi’ piccolo. Seguendo le indicazioni della dottoressa, che per prima si e’ presa cura di te, ti ho tagliato il cordone ombelicale. Avevi i piedini e le manine gelate, abbiamo alzato il riscaldamento al massimo. Mentre Marco ripartiva ti ho preso in braccio e ti ho posato al mio petto coprendoti con il lenzuolino sterile, una coperta, la mia maglietta, con qualunque cosa potesse restituirti un po’ di calore. Il suono delle sirene ti ha dato uno scrollone, ti sei messo a piangere. E’ li’ che hai aperto gli occhi, mi hai guardata, ti ho fatto una carezza e immediatamente hai cercato di succhiare il dito. Avevi tanta fame. In dodici anni di servizio, non avevo mai provato delle emozioni cosi’ intense. Mentre ti scrivo, sei in ospedale dove hanno scelto di darti il mio nome. Le colleghe dicono che stai bene, che hai mangiato, che ce la farai a diventare grande, a dispetto di chi non voleva. Ho riflettuto su cosa possa spingere qualcuno ad abbandonare un neonato e non ho trovato risposta. Ma in fondo, l’unica cosa che conta e’ che presto avrai una mamma e un papa’ che ti vorranno bene. Ho anche pensato che quella mamma vorrei essere io, che non ho figli. Purtroppo so che non sara’ possibile: l’iter per le adozioni e’ lungo e complicato e c’e’ qualcuno che ti sta aspettando da molto piu’ tempo di me. Lo dimostrano le chiamate che sto ricevendo: persone che vogliono accoglierti, altre che si offrono di acquistare abiti e latte in polvere. E allora, posso solo sperare di incontrarti di nuovo, in futuro. Sarebbe bello vedere come sei diventato. Ti auguro di essere felice. Di crescere sano, di conservare la forza che hai dimostrato di fronte a quel cimitero che dovrebbe servire a contenere i morti e che invece ci ha restituito una vita. Ma soprattutto, ti auguro di diventare un uomo con dei valori positivi, uno disposto a qualunque sacrificio per proteggere il proprio bambino”.
CONDIVIDI