cof
La piccola Chanar Aziz, bambina di 9 anni che vive a Bagdad, è ritornata in Italia per essere sottoposta ad un intervento salvavita. La storia di questa bimba, dagli occhi grandi e pieni di vita, venne agli onori della cronaca nel 2011, poiché grazie ad una catena umanitaria fu trasferita in Italia perché affetta da “Sindrome del QT lungo”, una patologia cardiaca genetica che può causare morte improvvisa, come, purtroppo già accaduto per 2 sorelline.All’epoca, l’equipe del Prof. Vosa della Federico II di Napoli realizzò un intervento innovativo con applicazione di un sistema salvavita che consisteva in un dispositivo posizionato in addome, collegato ad elettrodi sottocutanei che portandosi fino alla schiena, avevano la funzione di sorvegliare il cuore e di intervenire in caso di insorgenza di un’aritmia pericolosa per la vita. Il primo caso al mondo in bambini così piccoli.A distanza di 7 anni, il dispositivo ha iniziato a dare segni di esaurimento della carica e, in considerazione della crescita della bambina, il Prof. Gaetano Palma, ora responsabile della Cardiochirurgia Pediatrica Federiciana, coadiuvato dal cardiochirurgo pediatrico Dr. Raffaele Giordano e dall’esperto di elettrofisiologia chirurgica Dr. Luigi Matarazzo, hanno sostituito l’intero sistema permettendo alla bambina di essere ancora protetta da eventuali “aritmie maligne” dall’esito nefasto, senza ricorrere all’apertura del torace. L’intervento ha coinvolto l’intera equipe della Cardiochirurgia Pediatrica Federico II, in primo luogo l’anestesista Gaetano Castellano e gli specialisti dottori Sergio Palumbo, Sabato Cioffi e Marco Mucerino. Regia di tutta l’organizzazione è stata la Dr.ssa Veronica Russolillo, che, tra difficoltà soprattutto burocratiche, è riuscita nell’impresa di realizzare un ponte umanitario che ha coinvolto la Direzione Generale della Federico II, in particolare nella figura dell’assistente sociale Filomena Marra, la Regione Campania e associazioni di volontariato. Tutto il personale della Cardiochirurgia della Federico II di Napoli, sotto la Direzione dei Professori Emanuele Pilato e Gabriele Iannelli, ha accolto la piccola bimba irachena e il padre con grande umanità e in questi giorni di degenza si è prodigato in cure amorevoli, per rendere al massimo confortevole il breve decorso postoperatorio.

CONDIVIDI