Ogni anno oltre 2,5 milioni di italiani ricorrono alla protesi fissa (come gli impianti) o mobile (come le dentiere): un milione di questi a causa della parodontite, che da sola costa 2,5 miliardi ma il Servizio Sanitario Nazionale copre appena il 5,4% delle prestazioni. E’ questa la ‘fotografia’ presentata dagli esperti della Societa’ Italiana di Parodondotologia e Implantologia (SIdP) che, in occasione del VI Congresso Nazionale della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute promosso da FederAnziani, ha proposto un documento di consenso per potenziare la Sanita’ Pubblica in collaborazione con le categorie professionali coinvolte. Nell’ambito del VI Congresso della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute, promosso da FederAnziani e appena concluso a Rimini, la Societa’ Italiana di Parodontologia e Implantologia, ha presentato un documento che identifica le criticita’ in tema di tutela della salute orale e propone soluzioni concrete per la prevenzione e la cura, in particolare della malattia parodontale. “La parodontite e’ una malattia infiammatoria causata da batteri che distruggono i tessuti di supporto dei denti ed e’ la sesta malattia cronica piu’ diffusa al mondo.
In Italia colpisce oltre il 50% della popolazione, nel 10-14% dei casi in forme gravi, aumentando il rischio di patologie sistemiche come il diabete e le malattie cardiovascolari”, afferma Claudio Gatti, Presidente SIdP. “Nonostante questi dati preoccupanti, in Italia non esistono adeguati programmi di informazione e prevenzione e solo un italiano su 4 e’ consapevole di essere malato di parodontite e ne conosce realmente le conseguenze”, commenta Mario Aimetti, Presidente eletto SIdP e Presidente della Commissione di Parodontologia e Implantologia che ha elaborato il documento di proposta. Il 90% di coloro che soffrono di disturbi parodontali non ha ricevuto una diagnosi corretta tanto che solo 1 su 100 viene sottoposto a cure specifiche e le strutture pubbliche o convenzionate coprono appena il 5,4% delle prestazioni odontoiatriche. 
CONDIVIDI