“Finalmente abbiamo deliberato una metodologia trasparente per l’aggiornamento dei Lea (Livelli essenziali di assistenza). Tutti i portatori di interesse – associazioni dei pazienti, dei cittadini e società scientifiche, l’industria, le Regioni e gli enti pubblici – potranno fare delle domande e ottenere ascolto in un procedimento chiaro e condiviso di Health Technology Assessment che ha messo in back-office il ministero, l’Istituto superiore di sanità, l’Aifa, l’Agenas, la cabina di regia per l’Hta”. Ad annunciare la nuova procedura di coinvolgimento dei pazienti nelle decisioni sui Lea (che la legge del 2017 ha reso aggiornabili) è Giulia Grillo, ministro della Salute.

“Ognuno – spiega Grillo in una nota – farà la sua parte all’interno di un percorso unico e integrato che da un lato ci fornirà evidenze cliniche e dall’altro valutazioni di impatto su tutto il Servizio sanitario nazionale per allocare le risorse efficacemente e senza dispersioni”.

“Un cambio di metodo radicale, in direzione di concreta trasparenza – sottolinea il ministro – Non bisognerà più avere conoscenze personali al ministero o nei corridoi delle istituzioni per poter portare la propria richiesta e per farsi ascoltare. Un unico centro di raccolta si occuperà di smistare la domanda all’istituzione di competenza. Nessuna decisione che riguarda le diverse categorie dei pazienti sarà più presa senza il coinvolgimento delle parti direttamente interessate. La Commissione nazionale Lea al termine del percorso su ogni tema dovrà ascoltare i pazienti e tenerne conto. E’ la prima volta che tutti gli stakeholder potranno avere un percorso chiaro per far valere le proprie ragioni”, conclude.

CONDIVIDI