Sui vaccini si deciderà sulla base di quanto scritto nel contratto che ha portato alla fondazione di questo Governo “e comunque su basi scientifiche”. Chiarisce così, la sua posizione in una intervista al Messaggero la neo ministro della Salute, Giulia Grillo, che da medico non si è mai dichiarata contraria ai vaccini pur esprimendo dubbi sull’obbligatorietà. Ci tiene a chiarire, però che “la sanità non è solo il tema dei vaccini, il lavoro da fare e’ molto più vasto. Penso alla piaga delle liste di attesa, ai Lea, alle assunzioni del personale medico e infermieristico, alla governance della farmaceutica”.

CONDIVIDI