Ben cinque improvvisi arresti cardiocircolatori nell’ultimo mese a Vitulazio; dei singoli casi, ben quattro hanno coinvolto giovani o giovanissimi, facendo salire la preoccupazione sul futuro delle nuove generazioni in città. Per far fronte a questa anomala emergenza, un’associazione, «Gli Angeli del Sorriso», ha deciso di provvedere ad installare un defibrillatore in piazza Riccardo II, proprio nel centro della cittadina e nel cuore della movida dei giovani vitulatini. La postazione è stata installata ufficialmente lo scorso 21 aprile, dopo una settimana circa di lavori grazie al fattivo supporto del Centro di Alta Formazione «Gli Angeli del Sorriso». «In Italia sono circa 70mila le persone che muoiono per arresto cardio-circolatorio – ha riferito Scialdone -. Muoiono a casa, per strada, nei campetti, in ogni dove, perché non si trova mai vicino qualcuno che nell’attesa dell’arrivo dei soccorsi riesca a fare la differenza, il tempo che intercorre dalla chiamata all’arrivo dell’ambulanza cosa si fa?». A farsi promotore dell’iniziativa è stato Comelio Scialdone, presidente di «Cuore Campania» e formatore nazionale per la divulgazione e la formazione di principianti.