Il ministro della Salute, Giulia Grillo

“Troppe le difformita’ tra una Regione e l’altra e tra una parte del Paese (il Nord) e l’altra (il Sud). Con il rischio, e tante volte la realta’, di avere da una parte una Sanita’ dei poveri, dall’altra dei ricchi. Oltre 5 milioni ha appena stimato l’Istat, sono gli italiani in poverta’ assoluta, concentrati maggiormente nelle Regioni del Sud. Sono queste le fasce di popolazione che guardano con maggior speranza ad un reale e concreto universalismo perche’ loro, piu’ di altri, rinviano o abbandonano le cure. Ecco, la “questione Sud” purtroppo continua a restare attuale in tutta la sua gravita’. Con le ricadute che tutti conosciamo per la popolazione in conseguenza della gestione e dell’organizzazione dei servizi. In territori, tra l’altro, in cui la malavita e le organizzazioni mafiose si infiltrano facilmente, lucrando sulla salute dei cittadini”. Cosi’ il ministro della Salute, Giulia Grillo, in audizione nelle Commissioni riunite Affari sociali di Camera e Senato sulle linee programmatiche del suo dicastero.

CONDIVIDI