Il dl semplificazioni “certamente non poteva contenere tutte le norme che il Movimento e io come ministro avremmo voluto. Ma m’impegno a portare avanti le nostre grandi battaglie per la sanità pubblica”. Lo ha detto la ministra della Salute Giulia Grillo tornando, con un comunicato, sul decreto approvato ieri di cui rivendica, in particolare per la sanità, norma sul payback farmaceutico con la quale si sono creati i “presupposti per recuperare 2,4 miliardi”.

Grillo ricorda anche che “la prossima sfida da vincere è il superamento del tetto dell’1,4% per il personale per lo sblocco delle assunzioni in sanità, anche a costo di un confronto serrato con una parte della Ragioneria dello Stato, che pure fa il suo lavoro, ma credo che sia totalmente anacronistica”. Per quando riguarda i farmaci, continua Grillo, “l’accordo sul payback per gli anni 2013-17 impegna le industrie a erogare 2,4 miliardi allo Stato per ripianare lo sforamento della spesa farmaceutica”.

Questo significa “un importante flusso di risorse che giungerà alle Regioni dopo anni di stallo causato da ricorsi ai tribunali. L’accordo permette a tutti noi di guardare avanti con più serenità al futuro del nostro Servizio sanitario nazionale e garantisce anche ai produttori una migliore programmazione. Rivendico il merito di aver fatto sedere al tavolo le parti che fino a quel momento non erano riuscite a trovare un accordo”, conclude.

CONDIVIDI