medical doctor comforting senior patient
Si va dal progetto “Il verde per la vita” che mira a portare attività di giardinaggio e coltura sulle terrazze, i balconi e nei giardini negli Hospice pensato in Campania, al progetto “Teatro Incontro” della Toscana che punta a fare teatro coinvolgendo attivamente gli anziani, e molto altro ancora. Sono 151 le manifestazioni organizzate sul territorio in occasione della XVII Giornata Nazionale del sollievo, che si celebrerà domenica 27 maggio, raccolte dalla segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in un dossier, presentato oggi nel corso di una conferenza stampa ad hoc, che contiene la descrizione e le coordinate degli eventi, promossi e organizzati nelle Regioni con l’obiettivo di promuovere la lotta al dolore e la conoscenza delle cure palliative. Eventi che coinvolgono il mondo delle professioni, medici, psicologi, infermieri, la società civile e il terzo settore: scuole, società sportive, associazioni culturali e di volontariato. “Le Cure palliative sono certamente un’esigenza del paziente, ma rappresentano anche una opportunità ed una sfida per il servizio sanitario – ha dichiarato Antonio Saitta, coordinatore Commissione Salute della Conferenza delle Regioni – e forse proprio questo duplice aspetto può sintetizzare quell’azione corale che stiamo portando avanti per la Giornata nazionale del sollievo. Un’azione che trova una risposta puntuale con l’organizzazione di manifestazioni, tutt’altro che celebrative, anzi molto puntuali e pragmatiche, nelle Regioni italiane. La segreteria della Conferenza delle Regioni ha censito quest’anno 151 iniziative (16 in più rispetto allo scorso anno) in 16 Regioni. Consideriamolo il regalo del territorio, il riconoscimento delle Regioni e del servizio sanitario ad un impegno di sistema che è fondamentale, quello della lotta al dolore, che certamente – ha concluso Saitta – meriterebbe ancora più valorizzazione, sforzi ed informazioni”.Il dossier offre uno spaccato significativo di quanto i temi della lotta al dolore, delle cure palliative e della umanizzazione dell’assistenza sia particolarmente avvertito in tutto il Paese. Tanti gli eventi segnalati nelle varie regioni italiane. In Campania l’Ordine dei Medici promuove l’iniziativa “Il verde per la vita” un progetto che mira a portare attività di giardinaggio e coltura sulle terrazze, i balconi e nei giardini negli Hospice. Sempre in Campania un’altra iniziativa promossa da un’Associazione “La vela per il sollievo” punta sulla “velaterapia” per i suoi effetti positivi sia dal punto di vista fisico che sociale e psicologico. In Emilia-Romagna si segnala l’approccio culturale della Casa di Cura Villa Verde con l’iniziativa “Sollievo: Miti e leggende di ieri, oggi e domani”, una riflessione su come l’uomo nelle varie fasi della vita e nei percorsi storici ha utilizzato ed utilizza miti e leggende come forma catartica di “sollievo”. L’Auroradomus coop sociale di Fidenza propone “L’albero della Vita” con il progetto di inaugurare “un murales per l’Hospice” al fine di diffondere la cultura delle cure palliative tra i giovani e gli adulti e per approfondire la questione della dignità del morire. Nella regione Lazio, l’Asl di Rieti nell’Ospedale S. Camillo de Lellis organizza una manifestazione di sensibilizzazione allo scopo di diffondere la cultura dalla sofferenza fisica e morale. Partecipano all’evento artisti, teologi e personalità delle istituzioni e la Direzione Aziendale. In Liguria un dibattito televisivo presso l’emittente ImperiaTv sarà centrato sul tema delle cure palliative per l’informazione e la sensibilizzazione organizzato dall’Associazione SorridiconPietro ONLUS, che ha già ottenuto una menzione speciale del premio Gerbera d’Oro 2017. In Piemonte, fra le altre manifestazioni, “Luce per la vita Onlus” all’Auditorium “Franca Rame” di Torino con il concerto Gospel “Chorus Life”, mentre in Puglia nel Comune di San Giovanni in Rotondo il corso di formazione del personale organizzato dai volontari “Città del Sollievo” che si distingue anche perché è in collaborazione con le città del sollievo di Bucchianico (Abruzzo) e di Larino (Molise). Infine in Toscana è previsto uno spettacolo teatrale “Gemellaggio nel tempo … e altre storie”, frutto di un progetto più ampio: il progetto “Teatro Incontro” che ha lo scopo di fare teatro tutti insieme coinvolgendo attivamente gli anziani.

CONDIVIDI