Il garante dei Detenuti della Regione Campania, Samuele Ciambriello (nella foto), ha visitato ieri mattina il carcere di Vallo della Lucania, istituto destinato ai sex offender dove attualmente sono ristrette 49 persone e prestano servizio 39 agenti di Polizia e una educatrice. Nella visita, il garante è stato accompagnato dalla direttrice Mariarosaria Casaburo, dal commissario capo Guido Piergallini e dal vicecomandante Francesco Perri. «I detenuti sono prevalentemente definitivi nonostante l’istituto sia “casa circondariale” – ha spiegato Ciambriello- esso offre la possibilità di seguire corsi di alfabetizzazione primaria per detenuti stranieri e analfabeti fino al completamento della scuola dell’obbligo. Vi è poi un corso di informatica, seguito da 20 partecipanti, e un corso di “ricreo” che mira a stimolare la creatività e la ridefinizione del sé». Ciambriello si è detto «positivamente colpito» dall’aver visto che «nelle celle c’è un bagno con una doccia e anche il bidet, una cucina a conduzione familiare, arredi che possono sembrare scontati ma non lo sono affatto in altre realtà».

CONDIVIDI