“Basta coi tentennamenti. È ora di dare alle lavoratrici e ai lavoratori della Sanità pubblica un nuovo e giusto contratto di lavoro”. Così la segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, commenta l`andamento della trattativa ora in corso all`Aran per il rinnovo del contratto nazionale della Sanità.
“Dopo aver raggiunto il rinnovo per le Funzioni Centrali e sottoscritto una intesa per gli Enti Locali – aggiunge -, è giusto e doveroso garantire il contratto a chi ogni giorno opera per prendersi cura della salute dei cittadini. Per queste ragioni stiamo lavorando in sede Aran con le Regioni per migliorare e modificare il testo di ipotesi di Contratto nazionale che ci è stato consegnato e sta già circolando in rete. Proprio per questa ragione ci siamo resi disponibili a lavorare senza interruzioni per arrivare ad un accordo”.
Secondo Sorrentino, “non c`è ragione per interrompere la trattativa: i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori hanno priorità, bisogna andare ad oltranza fino all`intesa. Se altri abbandoneranno il tavolo si assumeranno la responsabilità di mettere gli interessi delle sigle sindacali davanti al diritto di chi opera in sanità di avere un buon contratto. Dare alle centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori della sanità pubblica un contratto atteso da circa dieci anni è un atto di responsabilità che tutti dovrebbero sentire e assumere”, conclude.

CONDIVIDI