Vincenzo De Luca (Fabio Cimaglia / LaPresse)
“L’avventura delle formiche all’ospedale San Giovanni Bosco e’ stato un episodio sgradevole e grave. E’ stato un pugno nello stomaco, stiamo cercando i responsabili ma dobbiamo sapere che puo’ succedere”. Da San Giorgio a Cremano (Napoli) dove ieri sera ha presentato il piano per il lavoro promosso dalla Regione Campania, il governatore Vincenzo De Luca e’ tornato a parlare del caso delle formiche all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Il presidente della giunta ha voluto ripercorrere le fasi che hanno preceduto la messa in rete del video della paziente coperta da formiche mentre era nel nosocomio. “La paziente dello Sri Lanka – ha spiegato De Luca – ha avuto un ictus ed era stata ricoverata per due mesi in un centro di riabilitazione a Benevento. A fine ottobre hanno deciso di trasferirla in Sri Lanka. Arrivata a Capodichino, all’aeroporto, la compagnia aerea si e’ rifiutata di imbarcare la paziente che, a loro giudizio, necessitava di un medico. Il 118 ha quindi deciso di trasferire la signora nell’ospedale piu’ vicino, il San Giovanni Bosco. E’ stata seguita in maniera corretta e civile, nonostante avesse bisogno di altro tipo di cure”. Poi l’episodio delle formiche. “Il letto della donna era vicino alla finestra. Lei era alimentata per via artificiale e aveva due borse, una con una soluzione al glucosio. Probabilmente – questo sostiene il governatore – c’e’ stata una perdita che ha richiamato le formiche. Fino alle 3,30 di notte, orario del’ultimo passaggio degli infermieri, la situazione era tranquilla. Ma tra le 3,30 e le 6,20 e’ accaduto quello che non doveva succedere”. Eppure, ha aggiunto De Luca, un episodio del genere “puo’ succedere. Non e’ abbandono o barbarie. Le lenzuola erano pulite e la signora era stata cambiata e assistita. Poi una signora che aveva la mamma ricoverata anziche’ chiamare gli infermieri si e’ preoccupata di fare la regista cinematografica per sputtanare Napoli e la Campania. E’ una cosa indegna – ha commentato il presidente della giunta campana – ma questo non puo’ oscurare che quella di Napoli e’ una sanita’ di eccellenza straordinarie e quella campana e’ la migliore sanita’ d’Italia”. De Luca ha infine accusato di “sciacallaggio” gli esponenti locali e nazionali del Movimento 5 Stelle. “Dovrebbero chiedere scusa. Nel piano di ristrutturazione sanitaria inviato al ministero – ha spiegato – si prevede anche la ristrutturazione del San Giovanni Bosco. Ci sono 7,5 milioni per quell’ospedale. Ma sono 5 mesi che aspettiamo che il ministero della Saluteautorizzi l’acquisizione dell’elenco di ospedali da ristrutturare”. 
CONDIVIDI