Napoli capitale degli Stati Generali dell’Area Salute di Croce Rossa Italiana. L’appuntamento, che mette in primo piano la “formazione del futuro” nel settore sanitario si svolgera’ al Centro Congressi Stazione Marittima – Molo Angioino dal 24 al 26 novembre. E’ la prima volta che il congresso nazionale si svolge a Napoli. Paolo Monorchio, presidente della Croce Rossa Comitato di Napoli e Giovanni Addis, presidente del Comitato Regionale Campania della Croce Rossa hanno messo in moto, assieme a tutto lo staff regionale, una macchina organizzativa che dara’ il massimo supporto ad un appuntamento a cui parteciperanno 1000 volontari e 100 relatori, oltre alle istituzioni regionali e nazionali. La tre giorni affrontera’ tematiche che passano dall’analisi dei corretti stili di vita, alla prevenzione di specifiche patologie e dipendenze, agli interventi di primo soccorso.

Seguira’ un confronto sul ruolo dei comunicatori del settore, sulla tutela della salute nell’infanzia, sulla donazione di sangue, organi e tessuti e sul ruolo delle forze ausiliarie nell’ambito delle attivita’ sanitarie, fino ai corretti stili di vita per i giovani. Tra i temi trattati ce ne saranno di grande interesse sociale, come le infezioni sessualmente trasmesse (IST) e le donazioni di sangue, organi e tessuti. Riguardo al sangue, le campagne di sensibilizzazione hanno ormai consentito in Italia la diffusione di una donazione volontaria, responsabile, periodica, anonima e non remunerata, pur rimanendo periodi “emergenziali” come l’estate. Diversa la questione della donazione di organi, dove ancora c’e’ confusione, paura, pregiudizio e poca informazione. In Italia sono 8800 le persone in attesa di un trapianto e ogni anno se ne eseguono circa 3500. Ma troppi i malati che muoiono, aspettando.

CONDIVIDI