Restituire alla farmacia un ruolo centrale nella distribuzione dei farmaci, facendo chiarezza nei confronti dei cittadini, a fronte della nascita di parafarmacie e corner di distribuzione dei farmaci da banco nei supermercati. A chiederlo e’ Federfarma, Federazione nazionale unitaria titolari di farmacia, in occasione degli Stati Generali della Farmacia Italiana a Roma. Per Federfarma, e’ necessario adottare un percorso che garantisca, tra l’altro, di reperire agevolmente un farmaco da banco ragionevolmente “sicuro”, senza la presenza obbligatoria del farmacista, come avviene negli altri Paesi europei che hanno liberalizzato la vendita di alcuni farmaci senza ricetta. Poi garantire il riassorbimento dei farmacisti delle parafarmacie e dei corner nel sistema farmacia, senza sanatorie, ma individuando meccanismi di assegnazione di sedi farmaceutiche disponibili sul territorio e incentivi per l’assunzione dei farmacisti nelle farmacie. “Nella nuova legislatura – si legge in un documento – e’ necessario individuare una soluzione condivisa a una questione che e’ fonte di tensioni e di insoddisfazione all’interno della categoria dei farmacisti e di nessun beneficio evidente per la comunita’”.

CONDIVIDI