Sarà ancora Michele Di Iorio a guidare Federfarma Napoli, per il quinto triennio consecutivo. Le votazioni per il rinnovo delle cariche sociali del sindacato di Categoria hanno, infatti, sancito l’elezione in blocco dei consiglieri della lista guidata da Michele Di Iorio. Con 392 voti assegnati all’intera lista (oltre 450 le preferenze personali per Di Iorio) sono stati eletti tutti i 21 consiglieri, i 3 probiviri ed i 3 sindaci (oltre ai 2 supplenti) della lista “Insieme con Michele Di Iorio” che ne supportava la candidatura a Presidente; poco più di 200 le preferenze per la lista “Farmacia Futura Napoletana” che sosteneva la candidatura di Nicola Stabile al quale sono andate 267 preferenze personali, insufficienti anche per un ruolo di consigliere. Ora sarà il primo Consiglio, in proigramma la settimana prossima, a ratificare la nomina di Presidente per Michele Di Iorio, il quale a sua volta individuerà le ulteriori cariche sociali.

Impressionante l’affluenza al voto: 711 degli 804 titolari di farmacia di Napoli e provincia si sono recati al seggio per esprimere la propria preferenza nelle giornate di domenica e lunedì per un affluenza del 90%. Un dato storico che evidenzia la partecipazione e l’attenzione dei farmacisti napoletani all’operato del sindacato.

“I colleghi napoletani – commenta Michele Di Iorio – hanno voluto riconoscere il lavoro svolto in tutti questi anni da un gruppo di farmacisti capace non solo di tirar fuori la categoria dalle “sabbie mobili” dei ritardati pagamenti, ma di rivendicare la centralità del ruolo del farmacista come “sentinella” sanitaria sul territorio”.
“Un gruppo di dirigenti esperti – prosegue Di Iorio – arricchito, per il prossimo triennio, dall’entusiasmo di giovani colleghi con i quali, terminata la disputa elettorale, da oggi siamo al lavoro per finalizzare i progetti già in piedi ed individuare le imminenti priorità, guidando i farmacisti napoletani in un delicato momento di transizione per la farmacia, ma soprattutto senza mai dimenticare la centralità del cittadino nel nostro impegno quotidiano”.

CONDIVIDI