Venti societa’ scientifiche sono scese in campo insieme a FederAnziani per creare percorsi ottimali di prevenzione delle patologie piu’ comuni nella terza eta’. Un lavoro, reso ufficiale con l’evento Punto Insieme Sanita’, che coinvolgera’ i medici di medicina generale, gli infermieri, i farmacisti e, come promotori e insieme fruitori, gli stessi pazienti. I protagonisti del comparto sanitario si sono riuniti per due giorni di lavoro a Roma, al Rome Marriott Park Hotel, in commissioni tecniche dedicate alle diverse aree patologiche che hanno cercato di individuare le linee idonee per la prevenzione e la diagnosi precoce che ciascun paziente o soggetto in eta’ avanzata dovra’ adottare per tutelare al meglio la propria salute. I risultati dei lavori nelle 13 aree, che saranno raccolti in un documento guida che costituira’ un vero e proprio Manifesto per la Prevenzione degli over 60, sono stati presentati alle istituzioni, rappresentate dai direttori generali del ministero della Salute, Marcella Marletta (Dispositivi Medici e Servizio Farmaceutico) e Claudio d’Amario (Prevenzione), dal presidente dell’AIFA Stefano Vella, in rappresentanza anche del National Center for Global Health dell’Istituto Superiore di Sanita’, dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanita’, Walter Riccardi, intervenuto con un video messaggio, e da Ranieri Guerra, Assistant Director General OMS, in video collegamento. Il Manifesto avra’ l’obiettivo di contribuire alla costruzione di una concreta cultura della prevenzione, attraverso l’indicazione agli anziani dei passi da compiere per identificare precocemente le malattie o le condizioni di particolare rischio che devono essere seguite da un immediato intervento terapeutico efficace, in modo da potersi curare al meglio, vivendo piu’ a lungo e in salute e facendo risparmiare il Servizio Sanitario Nazionale. Dai lavori della due giorni nasce quindi un percorso comune e concreto che vedra’ la scienza e i pazienti uniti e che giungera’ fino al banco di prova del VII Congresso della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute(Rimini, 30 novembre – 2 dicembre 2018), dove i medesimi attori si ritroveranno per fare il punto sulle strategie messe in campo nei prossimi mesi.
CONDIVIDI