Oggi il racconto su Il Mattino di un 17enne di Poggioreale lasciato riverso, in coma etilico, nell’indifferenza dei festeggiamenti del Capodanno e che deve la vita a tre giovani sconosciuti. É emergenza alcol a Napoli tra i giovanissimi” dice il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che racconta “la notte da incubo di una coppia di napoletani i quali, in alcune strade del centro città, si sono imbattuti più volte in ragazzi ubriachi e drogati, abbandonati a se stessi e riversi per terra”. “In via Imbriani una ragazza minorenne si rotolava e si lamentava in balia di alcool e droga – spiega – mentre subito dopo in via Carducci un ragazzino steso sull’asfalto era ricoperto di vomito e in assoluto stato di incoscienza. Con l’arrivo dei carabinieri i due ragazzi sono stati portati in ospedale con un’ambulanza”.
“Anche la notte di Capodanno erano molti i ragazzini completamente ubriachi e disfatti dall’alcool in giro per locali e veglioni. Vengano multati o anche chiusi gli esercenti commerciali e i gestori dei locali senza scrupoli che vendono ai minori bevande alcooliche mettendo a repentaglio le loro vite” dicono Borrelli e Gianni Simioli, speaker radiofonico, commentando il post su Facebook della coppia che ha prestato soccorso ai ragazzi malconci.
“Il consumo di alcool è drammaticamente in crescita tra i minori – evidenzia Borrelli – proprio durante il week end si registra l’escalation di casi che deve far alzare l’asticella di attenzione. Anche i genitori siano più vigili e attenti. E’ inaccettabile che si consenta a un minorenne di rimanere per strada fino a tarda notte in assenza di qualunque forma di controllo. Soprattutto denuncino chi riduce i loro figli in fin di vita aiutando le forze dell’ordine a identificare chi gli fornisce droghe o alcool”.

CONDIVIDI