È stato presentato ieri alla Procura l’esposto sul caso di Roberto Leva, 50 anni, detenuto nel carcere di Poggioreale che dal 27 aprile scorso è ricoverato in coma farmacologico al reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Paolo.  Leva era stato arrestato il 20 aprile scorso per espiare una pena di sei mesi di reclusione. Secondo quanto ricostruito nell’esposto, presentato dall’avvocato Raffaele Minieri della direzione nazionale di Radicali italiani, la sera del 26 aprile l’uomo fu portato all’ospedale Cardarelli per una frattura al setto nasale ed ecchimosi in varie parti del corpo.

Ma dal Cardarelli fu dimesso il giorno successivo, quando fu nuovamente trasferito, in condizioni assai gravi, dapprima all’ospedale San Giovanni Bosco e successivamente al San Paolo, dove ora è intubato nel reparto di terapia intensiva. Nella denuncia si chiede alla Procura di svolgere accertamenti per capire in primo luogo se si possano ravvisare responsabilità da parte dei medici che disposero il ritorno in carcere dopo il primo ricovero, sottovalutando – è l’ipotesi avanzata dai familiari – la gravità delle condizioni.

La Procura viene invitata inoltre a indagare anche sulle cause delle lesioni che determinarono il ricovero al Cardarelli. Decisa e forse troppo energica la reazione dei sindacati della polizia penitenziaria: “Ennesimo grave episodio – si legge in una nota-nei confronti della polizia penitenziaria, vittima ancora una volta di insulti e offese infamanti: ci riferiamo agli articoli apparsi nella giornata di ieri inerenti un detenuto della casa circondariale di Poggioreale ricoverato in ospedale che, secondo la sua famiglia, sarebbe stato picchiato dagli agenti.

Al di là di quelli che sono gli accertamenti della magistratura che seguirà il suo corso individuando responsabilità, laddove ce ne dovessero essere, ciò che non ci appare condivisibile è la facilità con cui sugli organi di stampa si infanga l’operato di uomini che agiscono al servizio dello stato e a tutela della cittadinanza garantendo l’ordine e la sicurezza”.

La nota è firmata dai sindacati della polizia penitenziaria Sinappe, Uil P.P., Fns Cisl, Uspp e Cnpp. “Amareggia – continuano i sindacati – la leggerezza con cui fanno eco, notizie tutte da verificare che rendono nulli lo spirito di sacrificio e abnegazione degli uomini della polizia penitenziaria”.

Intanto, come aveva già annunciato ai suoi collaboratori subito dopo il suo insediamento, il procuratore, Giovanni Melillo, si prepara a istituire un pool di pm che indagheranno in modo sistematico sui reati collegati con le carceri, particolarmente delicati.

CONDIVIDI