I servizi che il programma Le Iene ha dedicato alla sanita’ campana “fanno parte di una campagna di squadrismo mediatico organizzato a puntate con unico obiettivo: presentare un quadro che permettesse a qualcuno di mettere le mani sulla sanita’ della Campania”. Ne e’ convinto il governatore Pd della Campania, Vincenzo De Luca, che attacca il format di Mediaset per non aver “mai chiesto a me un’intervista mentre il ministro della Salute e’ stata ascoltata in un clima sobrio, soft e accogliente. Quando mi chiederanno di fare un’intervista garbata, educata, nella mia stanza con le bandiere italiana, campana ed europea, io sono a disposizione purche’ le interviste siano in diretta. Tutto il resto – dice – e’ espressione di violenza privata e di aggressioni in strada. Non e’ giornalismo ma un atto di provocazione”. De Luca si chiede perche’ “non si mostrino esperienze come quelle degli ospedali Cardarelli, Pascale e di tutte le altre eccellenze di valore mondiale che ci sono a Napoli. No, c’e’ una rincorsa alle formiche”. Al ministro Giulia Grillo, infine, il governatore e commissario alla sanita’ regionale chiede di “evitare chiacchiere e palle. Piuttosto, approvi il piano per l’edilizia ospedaliera che abbiamo inviato al ministero ad aprile, 7 mesi fa”.

CONDIVIDI