Vincenzo De Luca (Fabio Cimaglia / LaPresse)
Una svolta politica importante e un annuncio da parte del presidente della Regione Campania: «Gli elettori hanno dato una lezione al Pd dopo provvedimenti legislativi come quello sulla scuola che è stato un disastro di proporzioni bibliche, un atto di ottusità che in democrazia si paga a caro prezzo. Ora si dice: torniamo tra la gente. Sì, ma a dire che? – attacca nella sua trasmissione a LiraTv – Per me si deve partire da un piano per il lavoro per i giovani meridionali. Entro aprile completiamo la proposta che facciamo come Regione: assumere 50mila giovani nella pubblica amministrazione della Campania, visto che a livello nazionale dormono. Andiamo avanti per i fatti nostri, con qualche libertà in più rispetto al passato, ritroveremo la caratteristica civica, di programma e di lotta».
Un piano per 5Omila assunzioni nella pubblica amministrazione solo in Campania con finanziamenti della Regione: è il rilancio seguente alla caduta nel vuoto della proposta di 200mila assunzioni nella pubblica amministrazione per giovani di tutto il Sud da far fare al governo nazionale. Vincenzo De Luca vira sul livello in cui ha competenze dirette segnando una presa di distanza dal partito nazionale e designando una volontà di ripresa dei consensi degli elettori delusi.  Per fine aprile dunque un progetto concreto riprendendo «la caratteristica civica, di programma, di lotta della nostra amministrazione». Il governatore prende anche un altro impegno preciso: «II 23 aprile spiega – parte la piena attività, completa e autonoma, del pronto soccorso del Cto. Prima era chiuso».  De Luca annuncia entro giugno anche la chiusura delle procedure concorsuali per assumere all’ospedale del Mare, «dove oggi lavorano 730 unità, 550 assunte dal luglio scorso. Cosisi apre ilpronto soccorso. Non è ancora un ospedale Dea di secondo livello, ma è un risultato». Sempre sul fronte Sanità, viene ripetuto l’obiettivo di abbattere le liste d’attesa e, addirittura, di«avere le liste d’attesa più corte d’Italia».
CONDIVIDI