Medici, baby sitter forze dell’ordine. Un esercito di persone che brinda durante le festività natalizie, ma lavorando. Mentre si festeggia, infatti, c’è chi lavora. Sono molti, anzi moltissimi, coloro che durante le feste di Natale e Capodanno sono in servizio. Nella maggior parte dei casi prestano, è proprio il caso di dirlo, il proprio servizio a favore e tutela degli altri, tra turni diurni e notturni.

Sono forze dell’ordine e camici bianchi, ma anche tutti coloro che operano nel campo della ristorazione, o chi svolge il suo lavoro presso musei e istituzioni pubbliche statali che manterranno l’apertura al pubblico anche il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Per questo esercito che non si ferma sarà, come ogni anno, un Natale e un Capodanno di attività a tempo pieno, anzi forse più intensa del solito. Per questo, gli spostamenti e i trasporti sono comunque assicurati da ferrovieri, autisti di mezzi pubblici, addetti ai distributori di carburante, comandanti di navi, addetti ai servizi autostradali.

Natale, poi, non significa solo ristoranti e, quindi, personale di sala e cuochi. E’ anche l’occasione per una visita a una città che non si conosce, a un museo o a una mostra. A garantire le visite culturali ci pensano, quindi, i lavoratori dei musei, gli addetti ai servizi di custodia e alla biglietteria e le guide turistiche. Chi, invece, punta al benessere e sceglie il relax delle terme troverà massaggiatori, bagnini e fisioterapisti pronti per cure speciali sotto l’albero, nella maggior parte frutto di regali.

All’elenco dei lavoratori sotto le feste non possono mancare coloro che vigilano sulla sicurezza e sulla salute dei cittadini: dai poliziotti ai carabinieri, dai finanzieri ai vigili del fuoco, dai medici del pronto soccorso agli infermieri, dagli operatori delle numerose assistenze pubbliche, come la Croce Verde e i farmacisti.

Importante, poi, l’assistenza per i più piccoli. Babysitter che, per l’occasione, sono pronte a vegliare sul riposo dei più piccoli, con buona pace di mamma e papà. Ma anche animatori per feste domestiche a misura di bambino, per chi proprio non vuole rinunciare a sentirsi grande e festeggiare il nuovo anno con i piccoli amici, il pigiama party è assicurato.

CONDIVIDI