È Maria Grazia Di Scala della commissione Sburocratizzazione del consiglio regionale della Campania a lanciare l’allarme per l’interruzione delle cure riabilitative nell’Asl Napoli 2. Nelle  sue dichiarazioni sottolinea gli sprechi del comparto: “”Ad un anno dalla gara da oltre 30 milioni di euro bandita da Soresa per servizi di consulenza volti ad armonizzare conti e bilanci delle Asi, la Napoli 2 sospende tutte le cure riabilitative per ‘pulire ‘ i conti: mentre si decide di rifare quanto già stabilito e finanziato abbondantemente, ovvero ‘ristrutturare ‘ i conti il servizio di un ‘assistenza fisiatrica, che non ha mai brillato per puntualità ed efficienza, nessuno si è preoccupato di garantire la continuità assistenziale interrompendo di fatto e sine die l’erogazione di assistenza familiare. Il fatto che a tutto questo va a sommarsi anche un ‘ulteriore recente gara da 450 mila euro della Soresa per il monitoraggio delle convenzioni stesse, si aggiunge al danno anche la beffa”. Un disagio che va a penalizzare soprattutto i pazienti: tratta di una decisione grave che non ha tenuto conto degli intollerabili disagi creati ai pazienti, soprattutto ad Ischio ed in particolare a Precida dove le alternative sono praticamente inesistenti”, ha concluso Di Scala.