Hanno 33 e 45 anni i due operai feriti, dei cinque complessivamente coinvolti nel crollo avvenuto intorno alle ore 9.00 di stamattina, nel chiostro dell’ex monastero di San Paolo Maggiore nella zona dei Tribunali, a Napoli. Il bollettino medico rilasciato dalla Direzione Sanitaria del Cardarelli, dove i due sono giunti in codice rosso, parla di “trauma da caduta , contusione polmonare e assenza di fratture” in un caso. Nell’altro di “trauma da schiacciamento, vasta ferita lacerocontusa del cuoio capelluto sanguinante, fratture vertebrali senza compromissione del canale vertebrale, frattura del femore, della tibia e del perone”. In entrambi i casi i pazienti sono stabili emodinamicamente e restano in osservazione (nel secondo caso intensiva). La prognosi resta  riservata.”Sono gravi ma sono vigili”, dice il direttore generale Verdoliva. I medici stanno prestando loro la massima attenzione e sono in corso i trattamenti necessari.  Secondo la Polizia i due operai sono regolarmente inquadrati nell’azienda di Napoli per la quale stavano effettuando i lavori. Intanto l’area è stata posta sotto sequestro e sono in corso accertamenti e rilievi dei Vigili del fuoco  per  garantire l’uso delle zone confinanti il crollo a studenti e religiosi.

 

(Foto: la Repubblica online)

CONDIVIDI