Sono in tutto 509, 400 uomini, 71 donne, 36 minorenni maschi e due minorenni femmine, i migranti sbarcati dalla notte scorsa nel porto di Pozzallo da nave Diciotti della Guardia costiera. Le operazioni si sono concluse poco dopo le quattro. Tranne i ricoverati e alcuni casi speciali tutti sono stati condotti nel vicino hotspot presente nello stesso porto del Ragusano. Gli altri dieci prelevati ieri per problemi medici, per la maggior parte per disidratazione, cinque bambini, una bambina, tre donne e un uomo, stanno tutti meglio, compreso quest’ultimo che affetto da bronchite è stato già dimesso dall’ospedale. A bordo, è stato certificato, c’erano complessivamente 6 donne incinte. Un uomo con ustioni da idrocarburi è stato ricoverato in un ospedale di Ragusa. Accertati circa 70 casi si scabbia, che vengono curati in un paio di giorni con farmaci specifici. Tra i migranti anche due uomini con cicatrici di ferite da arma da fuoco: uno a un braccio e l’altro a una gamba. Era invece morto a bordo del Vos Thalassa, alle 5 del mattino del 16 giugno scorso, dopo l’ennesimo salvataggio compiuto dal mercantile nel Mediterraneo, l’uomo il cui corpo senza vita e’ arrivato ieri sempre su nave Diciotti.

CONDIVIDI