A due mesi dalla chiusura del Convegno nazionale dell’Aiic- gia’ ricco di partecipazioni di esperti da molti Paesi, dagli Usa all’Iran- gli ingegneri clinici italiani raccolgono un prestigioso riconoscimento al termine del congresso dell’International Union for Physical and Engineering Sciences in Medicine (Iupesm, www.iupesm2018.org) appena concluso a Praga.
Il vicepresidente Aiic (nonche’ direttore del Centro Studi dell’Associazione), Stefano Bergamasco, e’ infatti stato eletto “secretary” della Ced (Clinical Engineering Division), organismo che all’interno dell’International Federation for Medical and Biological Engineering riunisce le attivita’ internazionali in tema di ingegneria clinica, raccogliendo da tutto il mondo le migliori esperienze ed i piu’ autorevoli professionisti del settore delle tecnologie biomediche.
Per assumere questa prestigiosa carica, Bergamasco ha raccolto il consenso dagli oltre 100 delegati con disponibilita’ di voto in rappresentanza dei piu’ di 50 Paesi presenti all’evento: la sua nomina assume particolare rilievo in quanto e’ proprio la Ced il soggetto promotore del Congresso internazionale di ingegneria clinica Icehtmc, la cui terza edizione si terra’ nell’ottobre 2019 in Italia a Roma (dopo le precedenti edizioni biennali che si sono svolte in Cina e Brasile), in concomitanza del Global Clinical Engineering day che viene celebrato il 21 ottobre di ogni anno. Cosi’ in un comunicato l’Aiic.

CONDIVIDI