“In merito al parere espresso dal Consiglio Superiore di Sanita’ (CSS) circa l’utilizzo e la vendita di infiorescenze di canapa – in attesa di poter leggere il documento ufficiale del CSS e poter fare una valutazione puntuale – chiediamo che venga riattivato il percorso di completamento normativo, regolamentando pienamente le diverse destinazioni d’uso dei prodotti della canapa, ed in particolare delle infiorescenze. Tutta la filiera della canapa vuole operare in modo trasparente e tracciabile, dal campo al prodotto confezionato, sulla base delle disposizioni fissate dalla legge 242/16 sulla canapa sativa”. Lo sottolinea Confagricoltura, per la quale “il punto non e’ se sia possibile o meno valorizzare l’infiorescenza (tra l’altro previsto dalla legge 242/16 e dalla circolare del ministero delle Politiche agricole del 22 maggio), quanto piuttosto disciplinare gli specifici utilizzi di determinate porzioni della pianta. Per tali ragioni, auspichiamo che, a breve, possa essere riavviato il confronto con i ministeri della Salute e delle Politiche agricole”. Confagricoltura rileva in una nota che “siamo stati i primi ad avvertire la necessita’ che vengano fornite alle imprese coltivatrici specifiche indicazioni. In attesa di un decreto del ministero della Salute sulle diverse destinazioni d’uso dei prodotti della canapa ed in particolare delle infiorescenze, abbiamo deciso di farci parte attiva. Insieme a Cia-Agricoltori e Federcanapa abbiamo definito un disciplinare di produzione della infiorescenza di canapa da destinare ai diversi usi consentiti dalla legge 242/16. Il disciplinare, che a breve verra’ messo a disposizione delle aziende, e’ finalizzato a regolamentare la filiera di coltivazione ed a porre l’agricoltore in una posizione di massima rispondenza alle disposizioni della L. 242/16 in ordine alla tracciabilita’ dei materiali vegetali prodotti, alla loro qualita’ e salubrita’ e prestando forte attenzione agli aspetti agronomici e di sostenibilita’ ambientale”. Il percorso volontario delineato nel disciplinare – aggiunge Confagricoltura – ha l’obiettivo di “rafforzare la filiera agricola della canapa che, teniamo a sottolineare, ha un alto valore ambientale, e’ funzionale alla lotta al consumo di suolo ed alla perdita di biodiversita’ e si coniuga completamente con i nuovi concetti di bioeconomia circolare”. Confagricoltura ricorda che c’e’ stato un potenziamento della filiera, avvenuto in pochi anni e che oggi coinvolge circa 5mila ettari di coltivazione in pieno campo e in serra, e piu’ di mille nuove aziende che vi operano, considerando anche le imprese della trasformazione e commercializzazione dei prodotti di canapa.

CONDIVIDI