E’ di 10.700 visite mediche, oltre 25mila prestazioni sanitarie erogate, 20 eventi in tutta Italia, 6000 studenti coinvolti nelle varie discipline sportive il bilancio del Campus 3S che conclude il 2017 con performance da record nella sua campagna itinerante per la prevenzione, partita da Napoli calma che ogni anno tocca tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Puglia. “Il successo di questa formula – spiega Annamaria Colao, coordinatore scientifico della manifestazione – ci dice che la popolazione avverte l’esigenza di un contatto diretto con il medico e spesso forse non ci va per pigrizia, perche’ costa, perche’ pensa di consultarlo solo quando si sta male.

Con i Campus della salute abbiamo salvato molte vite e ne siamo molto fieri. Oggi miriamo a promuovere una campagna nazionale di prevenzione primaria vera che, oltre a garantire un abbassamento delle percentuali di malati, riduca anche i costi per la sanita’ pubblica. Intendiamo cosi’ anche ribaltare l’approccio alla cura delle malattie. Bisogna ricercare le cause piu’ che mirare alla semplice terapia sugli effetti. E lo stile di vita, il mangiare bene, il dormire adeguatamente, l’esercizio fisico, rappresentano un elemento essenziale per ridurre l’impatto che le malattie hanno sulla nostra popolazione”. All’evento che ha tracciato il bilancio 2017 del Campus 3S sono intervenuti anche Tommaso Mandato, presidente di Sportform, il vicesindaco di Napoli Raffaele Del Giudice e all’assessore al Welfare Roberta Gaeta.

CONDIVIDI