Conversation between doctor and patient

L’Aaroi-Emac, il sindacato degli anestesisti rianimatori italiani e dei medici dell’emergenza e area critica che riunisce oltre 10 mila iscritti, e la Siaarti, la principale società scientifica di anestesia e rianimazione che conta oltre 7 mila soci, hanno sottoscritto un’intesa per la valorizzazione della disciplina, a vantaggio dei 15 mila specialisti italiani.

L’accordo ha l’obiettivo di promuovere la disciplina sia negli ambiti scientifici sia in quelli sindacali. I punti più salienti dell’intesa riguardano la protezione assicurativa, la formazione e l’aggiornamento professionale, l’elaborazione delle linee guida e la tutela dell’organizzazione del lavoro. Punti di cui l’Aaroi-Emac e la Siaarti si occuperanno ognuna per propria competenza, ma con una condivisione di intenti nella comune valorizzazione della disciplina. Dal 2018, in particolare, tutti gli anestesisti rianimatori italiani avranno la possibilità di accedere a una particolare convenzione assicurativa, quella che l’Aaroi-Emac ha istituito e via via incrementato sin dal 2003. Una possibilità offerta anche ai soci Siaarti.

L’intesa prevede tra le altre cose che l’Aaroi-Emac riconosca la società scientifica come istituzione di prioritario riferimento nell’ambito della formazione e dell’aggiornamento scientifico-professionale. Le due sigle si impegnano a non interferire nelle reciproche competenze. L’accordo è stato realizzato “nel comune solco di sempre più stretti e trasparenti rapporti di collaborazione che il mondo scientifico e quello sindacale espressivi dell’anestesia e della rianimazione, nonché di tutti gli ambiti professionali ad essa correlati, hanno percorso insieme negli ultimi mesi”.

“Lo Statement tra l’Aaroi-Emac e la Siaarti è un passaggio di enorme valore” per Alessandro Vergallo, presidente nazionale Aaroi-Emac, e Antonio Corcione, presidente Siaarti. “Il documento – affermano – nasce con la volontà di costruire un percorso verso comuni obiettivi di valorizzazione e implementazione della disciplina, avvalendosi del prezioso supporto di tutti i contributi che ad esso hanno dato fondamentale impulso e determinato vigore, giunti da entrambi i due mondi”.

CONDIVIDI