“E’ urgente disporre un monitoraggio costante del latte e dei prodotti orticoli importati dall’Ucraina, con particolare riferimento all’eventuale presenza di contaminazione da cesio radioattivo”. Lo chiede la senatrice di Liberi e Uguali Loredana De Petris, capogruppo in Commissione Agricoltura e presidente del Gruppo Misto, in un’interrogazione ai ministri delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio, e della Salute, Giulia Grillo.

“A distanza di 32 anni dall’incidente nucleare di Cernobyl – sottolinea De Petris – la contaminazione ambientale di cesio radioattivo persiste nei campioni di latte vaccino raccolti in un raggio di 225 Km dalla centrale in Ucraina in misura 5 volte superiore al limite di legge, così come risulta da ricerche sul campo ed esami di laboratorio condotti congiuntamente dal Greenpeace Research Laboratories presso la Exeter University in Gran Bretagna e dall’Ukrainian Institute of Agricultural Radiology'”.

“Per questo – conclude l’esponente di Leu – chiediamo ai ministri Centinaio e Grilli quali siano le risultanze degli eventuali controlli sanitari effettuati dagli organi competenti negli anni trascorsi sulle derrate agroalimentari provenienti dall’ucraina”.

CONDIVIDI