girl holding a paper with the inscription.
 “Il Consiglio regionale e’ chiamato a dotarsi di una legge che non solo serva a manifestare solidarieta’ e sostegno alle donne vittime di violenza, ma che al contempo istituisca un supporto di natura economica per le famiglie colpite da un crimine cosi’ ripugnante. Con l’approvazione del testo di legge, che porta anche la mia firma, la Campania colma un altro vuoto legislativo ereditato dal passato, e da’ alle donne un segno tangibile di vicinanza e sostegno economico”. Lo afferma il consigliere regionale Enzo Alaia, vice presidente della Commissione sanita’ e firmatario della proposta di legge che prevede una serie di interventi per favorire l’autonomia personale, sociale ed economica delle donne vittime di violenza. Il testo sara’ discusso nella prossima seduta di Consiglio regionale in calendario venerdi’, 24 novembre.
vice presidente commissione sanità Enzo Alaia
“I centri antiviolenza – spiega Alaia – sono strutture utili ad accogliere le donne e ad assicurare loro protezione, assistenza e un valido percorso per superare il trauma dell’aggressione subita. Tuttavia – osserva il consigliere regionale – cio’ non basta a garantire alle vittime quel coraggio necessario per affrontare le conseguenze di una eventuale denuncia della violenza. Troppo spesso, infatti, questa porta con se’ un vero e proprio sconvolgimento nella vita di chi la presenta e un aggravio di spese, in particolare giudiziarie, che rischia di indebolire significativamente l’economia domestica. Per questo le donne troppo spesso decidono di tacere e di non sporgere denuncia in caso di aggressione”. “Ecco la ragione – prosegue Alaia – per la quale si rende necessaria la costituzione di un fondo che serva ad erogare un valido sostegno economico alle donne che decidono di uscire allo scoperto denunciando i propri aggressori. Al contempo, occorre sostenere quel cambiamento culturale che e’ fondamentale per prevenire ogni forma di violenza. La proposta di legge che approveremo venerdi’ – chiude Alaia – va in questa direzione”. 
CONDIVIDI