Quarantuno anni, pianista “grazie a papà, anche lui lo era. Devo a lui l’amore per la musica”. Il primo pensiero di Nestor Piacenti va al papà Aldo, morto a 68 anni di tumore. Un dolore che non passa, nonostante siano passati molti anni, e che ieri lo ha portato a suonare per i pazienti del Pascale.
Nasce, così, dal dolore di un lutto, il concerto “Suono per te” di questo giovane artista napoletano, noto soprattutto per la sua Dolcevita swing Orchestra, con cui gira l’ Italia. Il suo, un omaggio per chi soffre, un invito a non smettere mai di lottare e sperare.
L’esibizione questa mattina nel giardino d’inverno della Radioterapia dell’Istituto. Piacenti si è esibito per due ore, dalle 11 alle 13, in alcuni classici della melodia italiana e napoletana. Molti i pazienti, quelli in attesa di un esame, ma anche quelli scesi dai reparti.
Un appuntamento che si preannuncia essere solo il primo. E non solo per Nestor Piacenti che ha già ha dato la sua disponibilità a tornare insieme con la sua Orchestra.
“Ringrazio con tutto il cuore questo giovane pianista che mi auguro vorrà tornare a trovarci- dice il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi – Grazie per la sua sensibilità e per aver capito lo spirito di grande famiglia che pervade il nostro Istituto”

CONDIVIDI