«Voglio esprimere la mia solidarietà al medico e alle guardie giurate che, in circostanze diverse, sono
state vittime dell’inciviltà ma anche della volontà di qualcuno di ribellarsi all’apposizione di regole
in un sistema che troppo a lungo è stato piegato alle esigenze individuali, danneggiando l’utilità
pubblica. A chi crede di poter utilizzare a proprio piacimento i presidi sanitari dell’ASL Napoli 1
Centro voglio dire con chiarezza che si sbaglia». Questo il commento del Commissario Straordinario
Ciro Verdoliva in merito alle aggressioni che si sono verificate nei giorni scorsi all’Ospedale dei
Pellegrini e all’Ospedale San Giovanni Bosco, e al sabotaggio avvenuto nelle prime ore di questa
mattina all’Ospedale del Mare con l’utilizzo improprio di un estintore.
«Episodi che vanno condannati con forza – sottolinea Verdoliva – e che sono il segnale di
un’insofferenza alle regole introdotte da pochi giorni per rispristinare la “normalità”. Dall’accesso ai
parcheggi alla presenza di visitatori nei reparti a qualsiasi ora, la musica è cambiata e chi non lo ha
ancora capito lo comprenderà ben presto perché non molleremo, vogliamo ridare a quest’Azienda la
dignità che merita. In questo senso ringrazio le donne e gli uomini che, con il camice o con la divisa
della sicurezza, sono sempre a lavoro per fare in modo che, oltre ad assicurare le prestazioni
assistenziali, prevalgano i diritti di tutti sull’arroganza di pochi». Il Commissario Straordinario ASL
rende noto che l’episodio odierno del sabotaggio all’Ospedale del Mare è stato segnalato alle autorità
competenti per identificare i colpevoli.

CONDIVIDI