Era un calciatore con all’attivo anche due campionati di Serie D Raffaele Perinelli, 21enne ucciso ieri sera a Napoli con una coltellata sferrata da un altro giovane con il quale aveva avuto un diverbio diversi giorni prima. Perinelli era un terzino sinistro attualmente senza contratto dopo le stagioni al Sant’Agnello, al Gragnano e alla Turris, club di Torre del Greco. Con il Gragnano e la Turris i due campionati disputati in Serie D, il quarto livello del calcio italiano, rispettivamente nelle stagioni 2015-16 e 2016-17.

Perinelli è stato accoltellato intorno alle 21 ieri sera ed è deceduto poco dopo essere giunto all’ospedale Cardarelli, trasportato da uno sconosciuto che si è dileguato poco dopo senza essere identificato. Dopo circa 2 ore un 26enne si è costituito nella caserma dei Carabinieri di Casoria (Napoli), confessando di essere stato l’autore del ferimento di Perinelli, con il quale aveva avuto un diverbio circa una settimana fa. Sulla vicenda indagano i Carabinieri.

CONDIVIDI